Whatsapp Whatsapp
Telefon Cerca ora

Trapianto capelli Turchia, perchè conviene?

Il trapianto di capelli in turchia è una delle soluzioni più utilizzate per contrastare la perdita di capelli che è un fenomeno molto diffuso e colpisce in Italia circa otto milioni di persone. Si stima infatti che all’incirca l’80% degli uomini si trovi ad affrontare questo problema a un certo punto nel corso della propria vita. Se per molti di loro la perdita di capelli costituisce solo uno spiacevole accadimento non di particolare importanza, per molti altri questo evento si trasforma in un disagio che influenza negativamente anche le sfere psicologiche e sociali, oltre che quella estetica.

Per rispondere a questo disagio sono stati sviluppati negli anni innumerevoli metodiche – farmacologiche, estetiche e chirurgiche. A oggi, la soluzione più efficace e duratura è il trapianto di capelli e la Turchia è il paese più conosciuto per questo tipo di operazioni. Sono moltissime le persone che ogni anno scelgono di operarsi per cercare di rivolvere il proprio problema di calvizie. I fattori che vengono presi in considerazione nel prendere questa scelta sono diversi, dalla fama e dalle capacità del chirurgo all’accessibilità degli interventi sotto il punto di vista economico.

A seguito dell’enorme interesse verso questo tipo di intervento e delle valutazioni sopra menzionate si è sviluppato negli ultimi anni un fenomeno noto come turismo medico. In poche parole questo consiste nella scelta di viaggiare verso un altro paese al fine di sottoporsi in loco a un intervento chirurgico, anche nel nostro caso si parla di un viaggio ad Istanbul per il trapianto di capelli in Truchia. Questa decisione nasce dalla consapevolezza che spostarsi in un altro stato può essere la soluzione migliore dal punto di vista della qualità dell’intervento, nonché dal punto di vista economico.

Per il trapianto di capelli, la Turchia è teatro principale di questo fenomeno. I pazienti viaggiano da tutto il mondo ogni giorno per sottoporsi a un trapianto di capelli in una delle numerosissime cliniche turche. Per dare un’idea del volume di questa tendenza basti pensare che il numero di trapianti eseguiti in Turchia su persone originarie di altri paesi si assesta intorno ai 5000 l’anno.

 

1. Cos’è il trapianto di capelli?

Prima di soffermarci sul mondo del trapianto di capelli in Turchia è opportuno fare un passo indietro per spiegare brevemente cosa sia un trapianto di capelli e in cosa consista effettivamente tale operazione.

Come accennato, si tratta di un intervento finalizzato al ripristino dei capelli nelle zone affette da calvizie. Ma come avviene tale ripristino? Per poter rispondere a questa domanda bisogna fare un ulteriore passo indietro per capire come agisce di norma l’alopecia androgenetica, meglio nota come calvizie comune. Questa problematica ha una peculiarità significativa: non colpisce tutte le zone della testa, ma solamente la parte superiore. Le zone laterali e la nuca infatti non sono interessate dal fenomeno di caduta.

Compreso questo, è semplice capire come funzioni un trapianto di capelli. Innanzitutto si estraggono delle unità follicolari sane dalle zone non affette da calvizie (zona donatrice), in maniera strategica così da non svuotare eccessivamente. Successivamente le unità estratte vengono impiantate nelle aree diradate (zona ricevente).

 

2. Le tecniche di trapianto più famose: STRIP e FUE.

La prima consiste nell’estrazione di una losanga di pelle dalla zona donatrice, dalla quale vengono poi estratte le singole unità follicolari che infine vengono innestate nella zona ricevente. Questo tipo di procedura crea una cicatrice allungata nella zona della nuca in corrispondenza del taglio effettuato perché si estraesse la losanga di pelle.

La seconda consiste invece nell’estrazione una per una delle unità follicolari dalla zona ricevente mediante l’utilizzo di un apposito strumento chiamato punch. Le unità vengono poi innestate in zona ricevente. Questo intervento lascia numerose cicatrici, molto piccole e a forma di cerchietti. Questo tipo di esito cicatriziale è considerevolmente meno percettibile.

Tra le due tecniche, la FUE è a oggi la più scelta, poiché garantisce ottimi risultati minimizzando le cicatrici e rendendo molto meno pensante e lungo il periodo di convalescenza.

 

3. Come scegliere tra le due tecniche?

Partendo dal presupposto che le due metodiche siano entrambe buone e che possono essere messe in atto anche in forma combinata, è bene sottolineare che a seconda delle esigenze ci si può ragionevolmente orientare verso l’una o l’altra.

Come abbiamo visto, la tecnica FUE è in generale la preferita da parte di pazienti e chirurghi. Tuttavia, non tutti sono dei buoni candidati per sottoporsi a un trapianto con questa metodica.

In particolare, la FUE è adatta nei casi in cui l’esigenza post trapianto di avere cicatrici poco visibili è la richiesta principale del paziente. Se ad esempio si vuole portare un look rasato, la FUE costituisce un’ottima scelta.

Nei casi invece in cui si desiderasse tenere i capelli lunghi, e soprattutto se il numero di unità follicolari necessarie per riempire l’area ricevente fosse particolarmente altro, allora la STRIP può essere una soluzione più idonea. Negli ultimi anni grazie all’acquisizione di tecniche sempre più specifiche è possibile eseguire operazioni chirurgiche con estrazioni superiori alle 6.000 unità follicolari FUE senza che si possano verificare complicazioni mediche.

 

4. Altre tecniche di trapianto

Oltre alle suddette tecniche più tradizionali, sono recentemente state sviluppati altri 2 metodi di trapianto volti a sopperire ad alcuni limiti della FUE e della STRIP.

  • BHT: alla lettera “Body Hair Transplant”, ovvero trapianto di peli del corpo. La zona donatrice sulla testa è limitata, mentre la zona di ricevente può essere molto ampia. Per sopperire alla mancanza di sufficienti unità follicolari estraibili dallo scalpo, con il BHT si vanno a prendere graft dalla barba, dal petto o dagli arti. Queste unità follicolari sono ottime per il posizionamento nel vertex e nella parte centrale superiore della testa, mentre sono meno indicate per la primissima linea frontale.
  • DHI: alla lettera “Direct Hair Transplant”, ovvero trapianto di capelli diretto. Per “diretto” si fa qui riferimento al fatto che, una volta estratte, le unità follicolari vengono immediatamente impiantate in zona ricevente. Con le altre tecniche invece, lo spostamento non avviene direttamente, ma è prevista una fase intermedia per la realizzazione dei canali in cui andare a posizionare le graft. Il DHT è una tecnica più complessa e non può essere effettuata su ogni candidato, ma consente un migliore attecchimento dei capelli trapiantati. Restando meno tempo separate dallo scalpo infatti le unità follicolari rischiano in misura minore di venire danneggiate.

 

5. Perché valutare la Turchia

Dopo questa doverosa introduzione, passiamo ora all’analisi degli elementi che hanno reso la Turchia teatro principale del fenomeno del turismo medico per quanto riguarda il mondo del trapianto di capelli.

I fattori che un potenziale cliente tiene a mente nel scegliere dove operarsi sono prevalentemente due: la qualità e il costo. Nessuno vuole mettersi nelle mani di un chirurgo inesperto e non adeguatamente qualificato, ma non tutti possono permettersi di spendere grandi cifre per questa operazione. E’ la compresenza di questi due fattori che ha reso la Turchia un mercato così interessante. Da un lato infatti il basso costo della vita permette l’offerta di un servizio a prezzi decisamente competitivi. Dall’altro, la qualità offerta è alta.

Tuttavia, queste semplici osservazioni non sono sufficienti a prendere una scelta del genere alla leggera. Sull’onda di questo fenomeno infatti, come spesso accade in circostanze come questa, sono nati molti centri che propongono offerte estremamente allettanti, ma che non sono in grado di garantire buoni risultati e adeguati standard di sicurezza.

Internet costituisce sicuramente una fonte di informazione molto utile in questa direzione. Ogni potenziale paziente ha infatti la possibilità di ricercare online informazioni riguardo la clinica che sta prendendo in considerazione e di leggere report e esperienze di altri pazienti. E’ solo dopo un’ampia e approfondita ricerca che una scelta del genere può essere presa consapevolmente e in tutta sicurezza.

 

6. Un esempio di eccellenza turca: il dott. Cinik

Tra i numerosi chirurghi turchi che si occupano di trapianto di capelli, il dott. Emrah Cinik è uno dei più autorevoli e conosciuti anche a livello internazionale. Si occupa infatti in prima persona di partecipare ai principali congressi del settore non solo per restare costantemente aggiornato, ma anche per condividere le proprie scoperte e ricerche.

La sua esperienza è ormai decennale. Una volta laureatosi in Medicina infatti ha scelto subito di specializzarsi nella chirurgia del trapianto di capelli e ha iniziato presto ad acquisire diretta esperienza sul campo. Culmine di questo percorso è stata nel 2007 l’apertura della sua clinica a Istanbul.

Il dott. Cinik è particolarmente specializzato nella tecnica FUE, che come abbiamo visto risulta essere la più pratica e meno invasiva. Il dottore e il suo staff si avvalgono dell’utilizzo di strumentazione all’avanguardia per l’estrazione una per una delle unità follicolari. In particolare si parla di piccoli punch non manuali di 0,6 – 0,9 mm. Per l’innesto invece viene effettuata un’ampia analisi del caso specifico al fine di scegliere l’angolazione e la profondità perfette.

 

7. Quali garanzie possono essere offerte?

Cosa differenzia una clinica come quella del dott. Cinik dalle molte altre della Turchia? Quali garanzie di qualità sono qui offerte? In generale si può parlare di due tipi di garanzie, le prime dichiarate dalla clinica e certificate secondo la legge e le seconde date dall’esperienza e dalle testimonianze di altri pazienti.

Ricadono nella prima categoria le certificazioni che attestano che la clinica del dottore sottostà a tutte le norme igieniche e di sicurezza severamente imposte per legge. A questo si somma il fatto che le strumentazioni e le tecnologie implementate nella clinica siano sempre di ultima generazione.  Inoltre bisogna menzionare che la clinica del dott. Cinik è stata approvata da una specifica commissione internazionale (la JCI) come struttura a norma anche secondo gli standard internazionali. Anche lo staff del dottore è di alta qualità, trattandosi di personale qualificato e preparato e disponibile in ogni momento per supporto continuato al paziente.

Per quanto riguarda invece le testimonianze di altri pazienti, nel vari forum del mondo esiste un oceano di report liberamente scritti da chi ha scelto di operarsi dal dott. Cinik. Questi luoghi permettono la circolazione di informazioni libere e oneste. Chiunque può ricercare tali report online e farsi un’opinione trasparente. A favore della clinica della clinica del dott. Cinik vale anche l’opinione dei sui stimati colleghi chirurghi che in più occasioni hanno riconosciuto e apprezzato la qualità del suo lavoro.

 

8. Assistenza e supporto a 360°

Il dott. Cinik offre nella propria clinica le tecniche di trapianto FUE, BHT e DHT, nonché interventi noti come di “repair”, finalizzati cioè alla correzione di precedenti trapianti erroneamente eseguiti. Solo la sua lunga esperienza e gli approfonditi studi nel settore gli consentono di padroneggiare queste tecniche.

Presso la sua clinica è inoltre disponibile ricevere supporto riguardo le altre possibili terapie anti calvizie come la cure farmacologiche o il . I pazienti del dottore possono poi contare su un’assistenza assidua e continuata per tutto il periodo di convalescenza post-intervento.

Questo periodo risulta infatti essere particolarmente delicato ed è importante che la clinica fornisca supporto ai propri pazienti. Dopo circa 30 giorni dal trapianto, i capelli cadono. E’ un passaggio totalmente normale, ma spesso è causa di preoccupazione. E’ da 90 giorni circa dopo il trapianto che comincia la vera e propria ricrescita e il risultato finale inizia a essere osservabile altri 90 giorni dopo.

Haartransplantation Türkei - Dr. Emrah Cinik Haartransplantation | Barthaartransplantation | DHI-Haartransplantation has 4.87 out of 5 stars 2293 Reviews on ProvenExpert.com