Seborrea: problematica del cuoio capelluto

Home Blog Seborrea: problematica del cuoio capelluto
seborrea

La seborrea è un disturbo che nasce sulla nostra pelle quando le ghiandole sebacee secernono troppo sebo. Questa problematica può essere causata da sbalzi ormonali, disfunzioni digestiva o anche dipendere da impulsi nevrotici.

È opportuno curare in tempo questa condizione mediante trattamenti locali e un’alimentazione mirata.

 

La definizione di seborrea

Il termine viene descritto1 come una secrezione eccessiva delle ghiandole sebacee che sono presenti nel derma. A sua volta, può essere categorizzata in grassa, quando vi è un’alta concentrazione di sebo nei bulbi piliferi, o oleosa, se la pelle acquisisce particolare lucentezza.

Sintomi ed effetti

Quando la seborrea colpisce il nostro organismo, gli effetti principali possono evidenziarsi sulla pelle del viso e sul cuoio capelluto. In queste aree può comparire un’insolita lucentezza unita ad una sensazione tattile di capelli sporchi, quasi oleosi.

Sulla persona colpita da tale condizione sono spesso presenti prurito del cuoio capelluto unito a dolore cutaneo, arrossamenti e formazione di forfora.

Quando si verifica

Non esiste un’età specifica in cui la seborrea può colpire. Questo è vero soprattutto per chi ha una pelle grassa, ma anche nei neonati (si pensi ai casi di lesioni provocate dalla crosta lattea).

Secondo alcuni studi recenti, la condizione in questione è spesso evidenti nei pazienti colpiti da AIDS o portatori di morbo di Parkinson.

 

Le cause della patologia

Grazie agli studi e ai risultati della medicina moderna, sappiamo oggi con esattezza quali sono le cause principali della seborrea:

  • Disturbi del sistema endocrino: i cambiamenti repentini di ormoni possono provocare l’eccessiva produzione di sebo. Pensiamo ad esempio all’adolescenze negli uomini e alla menopausa nelle donne.
  • Disturbi psicologici: eventi traumatici ma anche ansia e stress possono causare un’alterazione nel processo che determina il rilascio del sebo.
  • Disturbi alimentari: questo riguarda particolarmente la digestione, soprattutto quando chi ne è affetto soffre di problemi biliari.
  • Altre cause: riguardano condizioni come l’acromegalia, la dermatite seborroica, la psoriasi e la sindrome dell’ovaio policistico.

 

Possibili complicazioni della seborrea

Nel caso in cui si riscontri la seborrea è fondamentale agire per tempo. Difatti, la patologia può generare complicazioni. Consideriamo le due principali.

Dermatite seborroica

È un’infiammazione del cuoio capelluto che porta alla formazione di desquamazioni, prurito, forfore e bruciore. Deve essere trattata con terapie particolari, come ad esempio i corticosteroidi.

Alopecia seborroica

È una delle conseguenze più gravi della seborrea. Infatti, come suggerisce il termine, essa provoca la caduta dei capelli.

 

Qual è la cura per la seborrea

La prima cura in assoluto per questa condizione è mantenere il corpo pulito. Nel caso in cui si presenti anche la forfora come sintomo, è consigliato adottare uno shampoo antiforfora per a giorni alterni 2 o 3 volte a settimana. La cura con lo shampoo è anche adatta per ammorbidire le croste lattee dei neonati.

Una preparazione molto utile potrebbe riguardare anche soluzioni topiche a base di corticosteroidi.

In ogni caso, bisogna comunque evitare di prendere iniziative personali che potrebbero peggiorare la situazione; al contrario, è consigliato farsi visitare da un medico esperto nel settore, come un dermatologo.

WhatsApp
WhatsApp
Hello 👋
How can we help you?